Canada. Da oggi è legale la vendita e il possesso di marijuana per uso ricreativo

625

Agenpress –  Il Canada è il secondo Paese al mondo, dopo l’Uruguay, dove il possesso e l’uso di cannabis è legale. La legge per il consumo ricreativo di marijuana è stata approvata a giugno. Il Federal Cannabis Act, approvato dal Senato di Ottawa martedì, è stato firmato due giorni dopo dal Governatore generale Julie Payette, lo step finale per la promulgazione. Una mossa, quella del governo, annunciata da mesi e parte del programma con cui Justin Trudeau ha vinto le elezioni nel 2015.

L’obiettivo della liberalizzazione è dichiaratamente quello di sottrarre il business della vendita delle droghe “leggere” alla criminalità organizzata. “Noi – ha infatti spiegato il primo ministro, Justin Trudeau, alla vigilia della riforma – non legalizziamo la marijuana perché pensiamo che faccia bene alla nostra salute. Noi lo facciamo perché sappiamo che non è buona per i nostri figli. Noi sappiamo di dover fare un migliore lavoro per proteggere i nostri figli e per eliminare e massicciamente ridurre i profitti del crimine organizzato”.

Il Cannabis Act era una promessa elettorale fatta da Trudeau nel 2015, e l’applicazione della legge sara’ valutata prima delle prossime elezioni del 2019, in modo che si possa verificare se sia stata o meno un successo. Trudeau ha ammesso nel 2013 di aver fumato cannabis cinque o sei volte nella sua vita: tra queste, dopo una cena in cui festeggiava con amici la sua elezione al Parlamento. Tuttavia il primo ministro ha escluso di volersi avvantaggiare della nuova legge: il suo ufficio ha dichiarato che il premier “non intende comprare o consumare cannabis una volta legalizzata”.

Secondo il governo, il commercio di marijuana partirà in 8-12 settimane. Mercoledì, il giorno successivo all’approvazione, le società che producono cannabis hanno fatto registrare forti guadagni alla borsa di Toronto. Secondo i critici, però, la rete di distribuzione pensata dal governo è troppo limitata per entrare in concorrenza con il mercato illegale. Un sondaggio diffuso martedì ha mostrato che metà dei datori di lavoro canadesi sono preoccupati dal possibile uso di marijuana da parte dei loro dipendenti sul luogo di lavoro.