Pace fiscale. M5S. La pace fiscale sopra i 100 mila non si può fare. Conte. Nessuna frattura con la Lega

495

Agenpress – Tra 5 Stelle e Lega non c’è “nessuna frattura” sul decreto fiscale. “Venerdì sarò a Roma, lo controllerò articolo per articolo e andrà al presidente”, dice Giuseppe Conte.  “Ci aspettiamo osservazioni critiche” da parte della Commissione Ue ma “ci siederemo attorno al tavolo e spiegheremo”, perché “più passa il tempo e più mi convinco che la manovra è molto bella”.

Non la faremo passare. Così fonti parlamentari del M5S riassumono la loro posizione in contrarietà alla misura contenuta nell’ultima bozza del decreto fiscale, dicendo che il dibattito interno al Movimento è tuttora in corso. Il limite di 100mila euro da sanare attraverso la ‘dichiarazione integrativa speciale’ va inteso “per singola imposta e per periodo d’imposta, e comunque non oltre il 30% di quanto già dichiarato”.

Lo prevede l’ultima bozza del decreto fiscale collegato alla manovra. Si potranno correggere le dichiarazioni presentate entro il 31 ottobre 2017 ai fini delle imposte sui redditi e relative addizionali, delle imposte sostitutive, delle ritenute e dei contributi previdenziali, dell’imposta sul valore degli immobili all’estero e delle attività finanziare all’estero, dell’Irap e dell’Iva. Per chiedere di fare la ‘pace’ col fisco i contribuenti che potranno “correggere errori od omissioni” presentando una apposita “dichiarazione integrativa speciale” fino al “31 maggio 2019”.

Nel testo per questo condono è confermato il limite di 100mila euro per anno d’imposta e la possibilità di sanare al massimo il 30% di quanto già dichiarato. Si pagherà in una unica soluzione entro fine luglio o a rate per 5 anni a partire da settembre 2019. Carcere fino a sei anni per chi, scegliendo di aderire alla pace fiscale, fornisce atti falsi e comunicazione di dati non rispondenti al vero. Lo prevede l’articolo dedicato alla “dichiarazione integrativa speciale” del dl fisco secondo quanto si legge in una bozza recente successiva al Consiglio dei ministri che ha approvato il provvedimento. La norma mira a punire i ‘furbetti’ che provino a utilizzare la dichiarazione integrativa per sanare proventi illeciti.