Trentino. Fugatti (Lega) è il nuovo presidente. Salvini: Pd è scomparso

784

Agenpress –  Maurizio Fugatti, candidato leghista del Centrodestra, si attesta tra il 36 e il 40%. La Lega prima forza con il 24-29%. Forza Italia 6-8% e Fratelli d’Italia 3-5. Giorgio Tonini, Centrosinistra, si ferma al 32-36% con il Partito Democratico tra il 20 e il 24%. Il candidato del Movimento 5 Stelle Filippo De Gasperi sarebbe in terza posizione con il 20-22% (stessa percentuale per la lista dei 5 Stelle). Altri candidati complessivamente al 5-7%.

“I trentini ci hanno dato un forte mandato. Lo avevamo detto negli ultimi giorni di campagna elettorale : qui chiunque vinca, per farlo nel migliore modo possibile abbia un forte mandato popolare”,  ha detto Fugatti.

“Con questa coalizione abbiamo i numeri per lavorare bene, se i risultati definitivi confermeranno quelli attuali. Spero che tutti gli alleati, coi risultati definitivi, abbiano una rappresentanza in Consiglio”. Un risultato che Fugatti attribuisce “a una coalizione che ha parlato di cambiamento, ma coi piedi per terra”. Quanto alle priorità, “questa è una terra di autonomia – ha sottolineato -, che deve svilupparsi, crescere e progredire. Anche quella dei territori rispetto alla Provincia, non solo della Provincia rispetto allo Stato”. A proposito di risultati attesi, il segretario trentino della Lega, Mirko Bisesti, aggiunge: “Abbiamo lavorato per arrivare sopra il 40%, quindi sì, ce lo aspettavamo, ma non come sembra adesso (intorno al 47% per il presidente, ndr). Io avevo detto 43% e per la lista il 27%. Aspettiamo i dati. In ogni caso questa fiducia riempie di orgoglio e responsabilità”.

“Il voto nelle due province autonome è un risultato mai raggiunto nella storia della Lega, un dato che mi riempie di emozione e di gioia”, ha detto il leader della Lega Matteo Salvini sul voto per le provinciali in Trentino e in Alto Adige. “Il dato eclatante è che con la cura Letta, Renzi, Gentiloni Martina il partito democratico scompare da Trento e Bolzano” ha detto Salvini in conferenza stampa in via Bellerio. “Per la prima volta  da che esistono la provincia autonoma di Trento e la provincia autonoma di Bolzano, la sinistra e il Pd fanno le valigie e non sono al potere”.