Manovra. Boccia. Occorre uno sforzo in più sulla crescita. Certa la procedura d’infrazione

360

Agenpress –  “Che il governo non cambiasse idea sullo sforamento era prevedibile. Lo stanno dichiarando da tempo, come ė prevedibile che il Governo abbia messo in conto la procedura di infrazione. Diciamo da tempo che sarebbe molto opportuno che si facesse emergere una analisi di impatto della manovra sull’economia reale, per confermare il fatto che la crescita possa compensare la parte di manovra oggetto del contratto di governo”.

Lo ha detto il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, per il quale “il Governo ha messo in conto la procedura di infrazione che ormai è nelle cose ma occorre dimostrare che il patto di stabilità e crescita si può trasformare in patto di crescita e stabilità”.

“Occorre uno sforzo in più sulla crescita, a partire dall’apertura dei cantieri, perché la crescita la fai con gli investimenti pubblici e accelerando quelli privati. Sugli investimenti privati abbiamo fatto una serie di proposte, alcune a risorse non elevate su cui il Governo con il Parlamento potrebbe accelerare. L’analisi di impatto sulla economia reale diventa determinate per giustificare questo sforamento”.