California. 63 morti, 600 dispersi. Devastate le ville delle star di Hollywood

790

Agenpress – La California brucia e le scuole chiudono a San Francisco, Sacramento e Oakland a causa della bassa qualità dell’aria. Il fumo degli incendi sta infatti sta inquinando l’aria di alcune grandi città, costringendo le autorità di San Francisco a sospendere anche il servizio della popolare funivia della città.

600 persone sono disperse e questo fa temere una possibile strage: “gli incendi hanno trasformato la California in una zona di guerra” ha dichiarato lo sceriffo della contea di Butte, Kory Honea, secondo quanto riporta la tv locale Kcra. Le vittime identificate sono almeno 63, ma il numero è destinato a salire. A causa della bassa qualità dell’aria sono state chiuse le scuole di San Francisco, dove tra l’altro è stata fermata anche la popolare funivia, Sacramento e Oakland. Le fiamme hanno inghiottito tutto: case, linee elettriche, auto, boschi. La Pacific Coast Highway fa da raccordo a un panorama desolato. Lo raccontano le colline annerite e carbonizzate del Woolsey Fire a Malibu.

Gli incendi hanno devastato le case delle star di Hollywood: Gerard Butler e Miley Cyrus hanno visto diventare cenere la loro proprietà. Butler ha mostrato su Instagram quello che rimane della sua casa a Malibu definendo la situazione “straziante”. Tra le dimore investite dalle fiamme c’è anche la villa dell’ex Hannah Montana, riuscita a salvarsi insieme al fidanzato Liam Hemsworth e i loro animali domestici. La lista è lunga. Stessa sorte è toccata a Robin Thicke e la fidanzata, tra l’altro incinta, April Love Geary. È andata bene alla famiglia Kardashian, così come a Caithlyn Jenner e Lady Gaga.