Torino. Tav, On. Napoli (FI): mediazioni utili se direzione marcia è verso il sì

460

Agenpress. Dichiarazione dell’on. Osvaldo Napoli, capogruppo di Forza Italia al Comune di Torino: “La vicenda TAV è di grande linearità sul piano politico ed economico, se oggi appare confusa e aggrovigliata è perché confusa e aggrovigliata è la posizione del M5s, cioè il principale oppositore alla sua realizzazione. Dispiace che il sindaco Appendino si dispiaccia dei rifiuti al dialogo ricevuti dalle principali organizzazioni d’impresa di Torino.

Che cosa d’altro doveva aspettarsi dopo aver precisato che non è il Comune a poter decidere sulla realizzazione dell’opera per la quale c’è la competenza esclusiva del governo e del ministro Toninelli?

Si apprende che per il fine settimana il sottosegretario Laura Castelli dovrebbe trovarsi a Torino per tentare una mediazione e si presume incontrare le organizzazioni d’impresa. Sia chiaro: mediare fra SÌ e NO è sempre possibile a condizione che si indichi con chiarezza la direzione di marcia. Se ci si incammina verso il SÌ, fra distinguo impalpabili sul percorso da modificare, si fa un passo nella giusta direzione. Senza dimenticare che tempo per la mediazione ne è rimasto davvero poco.

Tirarla per le lunghe vorrebbe dire perdere quote importanti del finanziamento europeo. Il discorso cade se la mediazione diventa un altro espediente per menare il can per l’aia. In questo caso si continuerebbe a prendere i giro i torinesi e gli italiani. Il M5s deve salire sul treno della TAV se vuole dare un senso alla sua azione di governo. Altrimenti saranno gli elettori a farlo scendere alla prima stazione utile”.