Manovra. Di Maio. Non facciamo la guerra all’Europa, ma non possiamo tradire gli italiani

349

Agenpress – “Non si tratta di fare la guerra all’Europa,  ma di rispettare le promesse. E non è che facciamo tutto subito perché abbiamo esigenze politiche: il nostro obiettivo è mettere in sicurezza parti di società che non possono aspettare”.

Lo dice il vicepremier M5S Luigi Di Maio, intervistato da Repubblica, aprendo alla “condivisione” e al “dialogo”, che sono “valori alla base di tutta la nostra permanenza nell’Unione europea”, ma resta fermo sui contenuti della manovra, bocciata dalla commissione.

“Vedo che ci sono grandi perplessità nei confronti della manovra e da parte nostra ci sarà il massimo dialogo, ma non possono chiederci di tradire gli italiani”.

Di Maio avverte che non saranno tagliati “i punti cardine della manovra, ma i prossimi giorni permetteranno ai mercati di essere rassicurati, questo governo non vuole uscire dall’ Europa e dall’euro, sarebbe anche un bene ribadirlo ai media esteri”.

Al commissario Moscovici, che ha detto no a trattative da ‘mercanti di tappeti’, risponde “non voglio continuare in questo scambio di battute quotidiano, dobbiamo sederci e discutere questa procedura potenziando gli spazi di dialogo”.