Manovra. Moody’s. Le tensioni con l’Europa manterranno alto lo spread

360

Agenpress – “Le tensioni crescenti con l’Unione europea manterranno i costi di finanziamento” del debito pubblico “alti” e “aumenteranno i rischi per l’economia”.

Lo afferma Kathrin Muehlbronner, Senior Vice President di Moody’s. “La continua incertezza abbinata a tassi di interesse relativamente alti potrebbe deprimere ulteriormente la crescita nel quarto trimestre e nel 2019”.

Moody’s vede  “significativi rischi” alle sue previsioni di crescita, che sono dell’1% per quest’anno e dell’1,3% per l’anno prossimo. Secondo l’agenzia di rating il Consiglio Europeo, appoggiando la raccomandazione della Commissione, avvierà la procedura di deficit eccessivo, dando un periodo di tre/sei mesi all’Italia per adottare misure correttive che – sempre secondo Moody’s – il nostro governo respingerà al mittente. “Il governo italiano potrebbe reagire a un significativo e rapido aumento nei suoi costi di funding, per esempio rinviando l’implementazione di alcune delle sue misure di spesa”.

Se Moody’s ritiene “improbabile” il rischio di un’uscita dell’Italia dall’euro anche in caso di un inasprirsi del confronto con l’Europa, l’imposizione di sanzioni all’Italia “potrebbe causare un ulteriore escalation di tensioni”, ragione per la quale è “altamente improbabile” che l’Europa le adotti prima delle elezioni del Parlamento europeo nel maggio 2019, così da non dare un’arma al governo populista italiano in campagna elettorale.