Ue. Raggiunto un accordo per una maggiore tutela dei minori nelle controversie familiari transfrontaliere

526

Agenpress. Le nuove norme velocizzeranno i procedimenti giudiziari e amministrativi e garantiranno che l’interesse superiore del minore sia sempre considerato. I divorzi internazionali nell’UE sono circa 140.000 l’anno e nell’Unione si registrano fino a 1.800 casi l’anno di sottrazione di minore da parte di uno dei genitori.

Le norme aggiornate consentiranno un’applicazione più rapida delle decisioni grazie all’abolizione delle procedure intermedie e all’allineamento delle condizioni alle quali una decisione può essere respinta o sospesa. Garantiranno inoltre ai minori l’opportunità di esprimere la loro opinione in tutti i procedimenti connessi al loro caso, soprattutto riguardo all’affidamento e nei casi di sottrazione da parte di uno dei genitori. Il regolamento stabilirà anche norme più chiare sul collocamento del minore in un altro Stato membro e sui casi di sottrazione di minore.

La decisione al Consiglio è stata presa all’unanimità, come richiesto dalla procedura legislativa speciale per la cooperazione giudiziaria in materia di diritto di famiglia. Il Parlamento europeo è stato consultato e ha adottato il suo parere a gennaio 2018. Il Consiglio finalizzerà l’adozione del regolamento nei prossimi mesi.