Tria. Si può evitare procedura dʼinfrazione, riducendo il deficit”. Conte: “manovra coerente”

408

Agenpress – “E’ possibile evitare la procedura di infrazione”. Ne è convinto il ministro Tria che parlando al Welfare Italia Forum 2018 ha sottolineato però che “si tratta di prendere decisioni politiche rispetto a varie alternative”. “Ormai siamo arrivati, entro la giornata si arriverà a determinare quali sono i possibili saldi e poi ci sarà la decisione politica”, ha ribadito. Reddito di cittadinanza e pensioni restano. ha quindi assicurato, “ma le misure tecnicamente richiederanno qualche mese per essere realizzate”.

Intanto il premier Giuseppe Conte afferma che il dialogo con l’Ue “è fondamentale. “In queste settimane ho lavorato per spiegare la coerenza della Manovra e gli effetti virtuosi nel medio periodo sul tessuto economico e sociale”.

Accanto alle misure a sostegno di lavoratori e imprese, il governo prevede “risposte urgenti ai bisogni dei cittadini con misure di equità sociale sostenibili”.

Il presidente del Consiglio ha poi precisato che non andrà a Bruxelles “con il libro dei sogni, ma con lo spettro completo del progetto di riforma del governo: mi confronterò sui numeri, consapevole che la Manovra risponde a esigenze del Paese, ma entro i vincoli europei”. Conte ha poi chiarito che “sto continuando a lavorare affinché siano quantificati, con relazioni tecniche, i costi delle misure che destano la preoccupazione degli interlocutori europei, i costi cioè delle misure a maggior impatto sociale”. Porterò anche, ha ripreso, “un programma dettagliato di investimenti”.

“Con le elezioni del 4 marzo – ha poi dichiarato – gli italiani hanno espresso un’urgenza per arrestare l’impoverimento e l’emarginazione derivati dalla crisi e per arrestare i fenomeni negativi di un processo di globalizzazione che ha visto penalizzate ampie fasce della popolazione. Con il programma di governo abbiamo individuato responsabilmente le misure per invertire questa tendenza”.

Il premier ha garantito che “questa Manovra farà crescere l’Italia. Siamo convinti che tutto debba essere realizzato in modo sostenibile per conservare i diritti sociali”. E ha spiegato che “dobbiamo agire ora, coraggiosamente, affiancando la stabilità finanziaria alla stabilità sociale”, perché questo è “il modo più efficace per recuperare la crisi di senso e il deficit di rappresentanza che tutte le democrazie avanzate stanno riscontrando ed evitare che il senso di abbandono si traduca in contestazione dagli esiti imprevedibili”