Costruttori a Di Maio: aprire un tavolo di crisi per il settore

398
Gabriele Buia, presidente Ance

Agenpress. Abbiamo ribadito pubblicamente al Ministro Di Maio la necessità di aprire un tavolo di crisi per l’edilizia, perchè occorre porre la massima attenzione sulla gravità della situazione del settore che perde ancora occupazione dopo 10 anni di crisi.

La Legge di bilancio poggia su una previsione di incremento cospicuo degli investimenti pubblici, ma senza interventi immediati per semplificare le procedure e sbloccare la spesa sarà impossibile rispettare queste previsioni. Le imprese sono asfissiate dalla burocrazia e dalla sedimentazione normativa: siamo costretti a lavorare più con gli avvocati che con i tecnici. Il risultato di questa inefficienza della spesa è sotto gli occhi di tutti. Per realizzare un’opera pubblica di medie-grandi dimensioni ci vogliono 15 anni, nel frattempo il gap infrastrutturale dell’Italia rispetto agli altri paesi europei è salito a 84 miliardi di euro.

E’ necessario dunque, approvare subito alcune misure incisive, intervenendo sul processo decisionale e sulle norme che bloccano la spesa e nello stesso tempo procedere a una revisione profonda del Codice appalti che come abbiamo denunciato da tempo ha contribuito a ingessare il settore bloccando i cantieri, senza riuscire ad arginare la corruzione. Ma occorre fare in fretta. Il sistema è allo stremo: soffrono piccole, grandi e medie imprese, mentre il Paese necessita al piu’ presto di un grande Piano di manutenzione e di sviluppo delle infrastrutture.

Gabriele Buia, presidente Ance