Pensioni d’oro. Prelievo di solidarietà a partire da 100mila euro lordi annui

442

Agenpress – Il prelievo di solidarietà sulle pensioni sarà di 5 anni e su 5 fasce, a partire da 100mila euro lordi l’anno (5mila al mese al netto dell’irpef e senza considerare le addizionali comunali e locali).

Il taglio è del 15% sulla parte di assegno superiore a 100mila euro e fino al 130mila, del 25% sulla parte compresa tra 130mila e 200mila, del 30% tra 200mila e 350mila, 35% tra 350 e 500mila euro, del 40% oltre i 500mila euro. I pensionati interessati dovrebbero essere circa 25mila. Escluse dal taglio le pensioni di invalidità.
Per quanto riguarda la perequazione, il governo ha deciso di prorogare lo schema applicato negli ultimi 5 anni, che prevede un recupero parziale. Avranno l’indicizzazione al 100% solo gli assegni fino a 3 volte il minimo Inps (circa 1.522 euro).

Penalizzazione minima per le pensioni che si collocano tra 3 e 4 volte il minimo Inps (tra 1.522 e 2.030 euro): il tasso d’inflazione sarà recuperato al 95%. Al di sopra di questa soglia, l’andamento del costo della vita viene riconosciuto all’80% (fino a 2.537 euro mensili lordi). La percentuale scende poi al 60% per gli assegni inferiori ai 3.045 euro lordi mensili e al 50% per quelli superiori.