Bellanova (PD):“Opposizione politica in Parlamento e nel Paese: il dovere cui non possiamo sottrarci”

380

Agenpress. “Ci attende un lavoro politico impegnativo al quale nessuno di noi può sottrarsi per la gravità della situazione e i rischi enormi cui questa Manovra sta esponendo il Paese e i cittadini. Lo conferma, se mai ce ne fosse bisogno, quel che sta accadendo anche in queste ore nell’Aula della Camera, ancora una volta d’inaudita gravità per come le prerogative del Parlamento sono state e sono offese e svillaneggiate, senza che i Presidenti del Senato e della Camera avvertissero l’esigenza e il dovere morale di tutelare innanzitutto il Parlamento”.

Così la Senatrice Teresa Bellanova che stamane ha voluto riunire nella Federazione leccese del Pd iscritti e militanti per un brindisi di buon anno.

“Ieri, nel sit-in in Piazza Montecitorio” ha proseguito la Senatrice Teresa Bellanova, “l’urgenza di saldare con forza l’opposizione in Parlamento e l’opposizione nel Paese a questo Governo d’incompetenti e pericolosi è emersa nitidamente. E’ il compito cui siamo chiamati e cui è chiamata una grande comunità politica come la nostra. Sono sicura che questo invito e questo auspicio è ampiamente condiviso da tutti ben al di là delle dinamiche congressuali che – certo – sono importanti ma non possono esaurire la necessità di un’azione politica più ampia e più radicale”.

“Leggo”, ha concluso la Senatrice Bellanova, “di un post su fb pubblicato e poi cancellato dove i 5Stelle si permettono di parlare di offensiva e terrorismo mediatico ai loro danni. Chi usurpa il Parlamento, le sue funzioni, le sue attribuzioni, le sue prerogative, dovrebbe avere più ritegno.

Il vero terrorismo politico e psicologico è quello che è andato in scena in questi mesi e che va in scena quotidianamente.

La storia ci insegna che s’incomincia urlando nelle piazze trasformando gli avversari politici in nemici e autoproclamandosi gli eletti del popolo, si costruiscono i nemici sociali che sono quasi sempre coloro che non si possono difendere, si alimenta odio e rancore su cui lucrare politicamente ed elettoralmente alimentando subalternità di ogni natura, si minaccia l’informazione, si lavora per annientare la democrazia e il Parlamento.
Dinanzi a tutto questo il compito della #Resistenza civile è nostro”.