Tiziana Caprini (M5S): “Basta privilegi, tagliamo le pensioni d’oro dei sindacalisti”

915

Agenpress. Sono più di 30 anni che i lavoratori vedono i propri diritti calpestati, grazie ai sindacati troppo impegnati a tutelare i propri privilegi. Basti sapere che attualmente ci sono sindacalisti che godono dei benefici della legge Mosca, la n. 252 del 1974, che calcola la pensione in base allo stipendio degli ultimi mesi – dichiara  sul suo Blog Tiziana Caprini .

La classifica dei big che prendono una pensione tra gli ex sindacalisti vede in prima fila Susanna Camusso che si porta a casa 4mila euro netti, seguita da Annamaria Furlan che arriva a 3964 euro e Carmelo Barbagallo con 2800 euro.
Nel decreto che contiene RedditodiCittadinanza e Quota100 ci sarà anche il taglio mensile delle pensioni d’oro dei sindacalisti: gli emolumenti per il ritiro dal lavoro dei sindacalisti dovrebbero essere ricalcolati con il metodo contributivo e non con quello retributivo.

È arrivato il momento che i privilegiati inizino a pagare: al contrario, chi è stato massacrato deve riavere indietro ciò che gli spetta, così da cancellare ogni ingiustizia sociale! – conclude Tiziana Ceprini – .