Migranti. Strada. Siamo governati da Salvini, un fascistello e da Di Maio, un coglione

667

Agenpress – “Sui migranti ormai il M5S è sulla linea di Salvini: un segnale terribile.  La priorità è salvare vite umane, non uccidere. E invece li stanno uccidendo”.

Lo dice Gino Strada, il fondatore di Emergency a Circo Massimo, su Radio Capital.  “Quando si è governati da una banda dove la metà sono fascisti e l’altra metà sono coglioni non c’è una grande prospettiva per il Paese”.

Matteo Salvini è “un fascistello che indossa tutte le divise possibili eccetto quella dei carcerati. Mi stupisce la sua completa disumanità. Il suo atteggiamento non è soltanto non solidale, indifferente, gretto, ignorante, ma criminale”.

“Gli esseri umani non sono sacchi di patate, che vengono collocati qui e là, tu ne prendi 10, io 15. Ma siamo impazziti? È un mondo di barbari”.

La responsabilità, secondo Strada, va però oltre i confini nazionali: “In Europa abbiamo una classe dirigente che dovrebbe essere processata per crimini contro l’umanità davanti alla Corte Internazionale dei diritti dell’Aja”.

“Queste persone stanno condannando a morte decine di migliaia di esseri umani. Non esiste porto chiuso o porto aperto: qui stiamo ammazzando persone”. Strada non esclude che la denuncia parta dalle Ong, “bisognerebbe lavorarci su in fretta”, dice, ma poi spiega: “Il problema non è quello delle Ong: i cittadini devono organizzare una resistenza a questa nuova barbarie, a questo nuovo fascismo misto a incompetenza e bullismo. Gli italiani non sono mostri, come vengono dipinti, ma un popolo molto solidale e aperto, lo hanno dimostrato”.