Presidente della regione Umbria Marini: Reddito di cittadinanza non ha gambe per camminare

542
Agenpress. “Attualmente nessun Centro per l’impiego è in condizioni di reggere l’impatto”. Il presidente della regione Umbria, Catiuscia Marini, è preoccupata sull’attuazione e quindi l’erogazione del Reddito di cittadinanza.
Marini in un’intervista al Corriere dell’Umbria dichiara: “il Governo non pensi di costruire una misura che non ha gambe per camminare e di scaricare poi le responsabilità sul territorio”.
Secondo Marini, comunque, “occorre avere attenzione e rispetto” per una norma “che ha come beneficiari cittadini in condizioni di grave disagio”.
“Pur non condividendo l’atteggiamento superficiale e snobbistico di chi, anche nel mio partito, considera il reddito mera propaganda – dichiara Marini -, dopo avere analizzato la bozza di decreto legge, penso che siamo di fronte a una misura prevalentemente assistenziale”.
Marini si è poi soffermata sugli “aspetti concreti che renderanno estremamente complessa l’applicazione”, tra questi Marini segnala le prerogative dell’Inps chiamata “a valutare in cinque giorni l’ammissibilità o meno di un individuo al reddito di cittadinanza. Ci sono poi i centri per l’impiego che si troveranno ad affrontare una montagna di pratiche”.