Diciotti. Penalisti contro Salvini. E’ un guascone, mira al consenso popolare, dimentica di essere un ministro

314

Agenpress – “Salvini ha diritto di esprimere le proprie critiche sulle ipotesi accusatorie e anche di ipotizzare uno sconfinamento, ma questo modo di sfidare, un po’ guascone, con l’occhio a un consenso popolare spiccio, non mi sembra rispondere ai canoni istituzionali di un ministro della Repubblica. Si può rivendicare la correttezza del proprio operato senza mancare di rispetto alle istituzioni”.

Così, a margine dell’inaugurazione dell’anno giudiziario, il presidente dell’Unione delle camere penali, Gian Domenico Caiazza, interpellato sulle dichiarazioni del ministro Salvini, per il quale i tribunale dei ministri ha chiesto l’autorizzazione a procedere sul caso Diciotti.