Corte dei conti: Controllo eseguito sulla gestione finanziaria della Cassa Depositi e Prestiti – Esercizio 2017

521

Agenpress. 1. I risultati del 2017 ribadiscono il ruolo centrale e di promozione svolto dal Gruppo CDP a sostegno dell’economia italiana, ad ulteriore conferma della trasformazione della società in un vero e proprio strumento di politica industriale.

L’attività di promozione e supporto all’economia è stata realizzata rafforzando, al contempo, la redditività e la solidità patrimoniale. Il 2017 si è chiuso con un utile netto di CDP di 2,2 miliardi di euro ottenuti in assenza di componenti non ricorrenti e pari a oltre due volte l’utile del 2015, e un utile netto consolidato di pertinenza della Capogruppo pari a circa 3 miliardi di euro, ritornato in positivo rispetto al passato. Un flusso di utili che va ad alimentare le politiche di sviluppo delle iniziative a supporto del territorio, con un patrimonio netto cresciuto di circa 5 miliardi di euro rispetto al 2015.

Oltre 18 miliardi di euro sono stati stanziati per il finanziamento di circa 20.000 piccole e medie imprese italiane, mentre quelle che hanno complessivamente beneficiato del sostegno del gruppo sono state oltre 40.000. Particolarmente positiva è risultata la creazione del “polo dell’export”.

L’impegno del settore immobiliare è continuato con la promozione del social housing e dello smart housing, la regolarizzazione degli immobili pubblici ed il sostegno del settore turistico. La vocazione sociale di CDP si è consolidata inoltre grazie ad oltre 7 miliardi di investimenti in impieghi della sostenibilità sociale, 100 milioni di euro di investimenti in equity per la social economy e la realizzazione di circa 30.000 alloggi per il Social housing. CDP ha emesso inoltre il primo “Social Bond” in Italia per un importo di 500 milioni di euro, destinato alle piccole e medie imprese situate nelle aree colpite da disastri naturali. Oltre 1 miliardo di euro è stato indirizzato alle iniziative “green” ed all’efficientamento energetico. Infine, 600 milioni di euro sono stati utilizzati per i progetti di cooperazione internazionale per i paesi in via di sviluppo.

Nel 2017 è inoltre proseguita l’attività a sostegno della finanza locale attraverso una rinegoziazione dei finanziamenti che nel 2017 è risultata pari a 9,3 miliardi di euro.

2. Emergono sempre più frequenti quelle che la stessa Società definisce “operazioni straordinarie” che sembrano essere dettate da necessità contingenti piuttosto che da strategie dell’Istituto. Al riguardo, peraltro, si osserva che la “mission” di CDP, pur nella sua ampia definizione statutaria, deve essere intesa come volta alla ricerca dello sviluppo di produzioni innovative che siano alla base della crescita futura, in coerenza con il Piano Industriale e con la politica industriale del Governo e del Parlamento a garanzia della fedeltà di CDP alla sua missione.