Bologna. Grillo contestato dai no vax, critica gli abruzzesi. “Ridateci i 700mila euro”

607

Agenpress – “Hanno deciso e hanno fatto benissimo  ma chiedo che ci diano indietro i 700mila euro che gli abbiamo dato l’anno scorso, le 4 ambulanze e gli spazzaneve a turbina…”.

Lo ha detto Beppe Grillo ieri sera al Teatro delle Celebrazioni di Bologna, polemico con gli abruzzesi dopo la frenata di M5s alle Regionali.Verso la fine dello show, un gruppo di attivisti no-vax ha esposto uno striscione e contestato Grillo.

Al grido di “Grillo hai rotto i c…i” i contestatori hanno accusato il M5s di aver ceduto alle posizioni dei pro vaccini. Lui ha cercato di spiegare che la scienza coltiva il dubbio e non vi sono certezze.

La contestazione No-Vax arriva dopo l’adesione del comico al Manifesto promosso dal virologo Roberto Burioni. Verso la fine dello spettacolo, una quindicina di persone si è alzata in piedi nella prima fila della balconata del teatro. Negli striscioni c’era scritto “Libertà di scelta” e “I morti da vaccino esistono – Grillo dimissioni subito”. Anche alcune persone dalla platea hanno urlato contro Grillo che è stato costretto a interrompere il suo monologo e ha cercato di dialogare con i contestatori, silenziati e fischiati dagli altri spettatori.

Di fronte alle accuse di tradimento, Grillo ha risposto: “Non ho tradito, non sono più il capo politico di un partito. Non venite a menarmela: con quello che ho fatto per questo Paese, io non me lo merito. A volte la sanità è mancanza di informazione”.

“E’ partito tutto da qui” ha detto. “Con quella parola che doveva sconvolgere la politica e invece eccomi qua: con chi me la prendo adesso che siamo al governo. Sono diventato un comico di regime” scherza su se stesso. Si presenta steso sul lettino, gira in platea e coinvolge gli spettatori. Scherza su due poltrone vuote immaginando una coppia in lite. “Lui avrà detto: quello che ci ha distrutto il Pd?” ride. “Il Pd si è distrutto da solo perché non ha una narrazione ed è barboso. Martina sembra il maggiordomo della famiglia Adams”.

C’è anche l’allusione alle elezioni d’Abruzzo nell’immaginaria insonnia da cattiva digestione: “Prendo il Malox per le elezioni. Gli abruzzesi hanno scelto liberamente, ma adesso, per favore, ci ridiano 700 mila euro, le quattro ambulanze e la turbina antineve che a noi a Genova ci servono”. Il riferimento è alla restituzione degli stipendi dei consiglieri regionali abruzzesi avvenuta a L’Aquila il 28 novembre 2018. E poi su Salvini: “L’ho incontrato all’aeroporto l’unica volta che è stato a Bruxelles e voleva farmi salutare sua mamma”.