Texas: quattro bimbi chiusi in una gabbia per cani. Vivevano in poco più di un metro quadrato

412

Agenpress. Un crimine orribile quello accaduto in Texas, negli Stati Uniti. Quattro bambini tra uno e cinque anni sono stati trovati rinchiusi in una gabbia per cani in una proprietà del Texas, una vera e propria casa degli orrori.

I piccoli, tre maschietti e una femminuccia, sono stati trovati dopo l’intervento di alcuni agenti giunti sul posto in seguito ad una lite domestica. Mentre le autorità parlavano con un uomo e una donna hanno sentito il rumore dei bambini proveniente da un granaio. Sono ancora in corso gli accertamenti ma la donna è presumibilmente la madre di tre dei piccoli, mentre l’uomo è padre di un altro.

I bambini erano in una gabbia grande poco più di un metro quadrato ed erano a malapena vestiti, sporchi, malnutriti e disidratati, nonostante attorno ci fosse cibo a sufficienza. Nel locale c’era anche un frigorifero ma tenuto sotto chiave. L’uomo e la donna devono rispondere di maltrattamento di minori. I piccoli non sono in pericolo di vita. La cronaca, osserva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ci offre di continuo queste terribili storie che testimoniano la brutalità con cui sono trattati i minori. Molti casi rimangono anonimi e non denunciati. Quello che ci colpisce di più è che spesso quegli autori sono proprio i loro genitori, ovvero le persone che si dovrebbero prendere cura di loro. L’invito è dunque quello di prestare attenzione e denunciare episodi di maltrattamento di minori.