Anzio. Militare abusa di sua figlia minorenne. Ministro Trenta: “non è degno di indossare l’uniforme, né di essere chiamato uomo”

433
immagine di archivio

Agenpress. La Procura della Repubblica di Velletri ha emesso una misura cautelare nei confronti di un militare per avere commesso abusi sessuali sulla figlia minorenne.

L’Esercito in una dichiarazione “esprime profondo sdegno e condanna e assicura la massima collaborazione e trasparenza con gli organi inquirenti”. L’Esercito inoltre comunica che “ha già avviato tutte le procedure per l’immediata sospensione del militare dal servizio ed esprime la totale intransigenza, tolleranza zero, nel contrastare tali inaccettabili condotte e la completa vicinanza alla ragazza nei cui confronti sono stati perpetrati gli abusi”.

Lo Stato Maggiore dell’Esercito provvederà quanto prima a prendere le opportune misure nei confronti del soldato arrestato. Un soggetto del genere non è degno di indossare l’uniforme, né di essere chiamato uomo”. Così la ministra della Difesa Elisabetta Trenta, a proposito del caso di violenza in famiglia ad Anzio.