Conte: “L’Italia deve correre, accelerare con le infrastrutture”. E il Tav?

463

Agenpress – “L’Italia deve correre” come un “un’autostrada a tre corsie con una Ferrari di cui finora non abbiamo premuto l’acceleratore. Adesso abbiamo deciso di farlo”.

Lo dice il premier Giuseppe Conte in un’intervista al Sole 24 Ore nel corso della quale afferma che “è arrivato il momento di premere sull’acceleratore sul fronte delle infrastrutture”.

Su Tav osserva che “a seguire il dibattito pubblico parrebbe che l’intero e corposo piano d’investimenti sia riduttivamente rimesso all’alternativa sì Tav/no Tav. In realtà, il progetto Tav corrisponde a una percentuale tutto sommato contenuta di tutte le opere che sono in corso di realizzazione”. A proposito dell’analisi costi-benefici, afferma: “è stata affidata a riconosciuti esperti e non è accettabile che venga messa in discussione la loro professionalità solo perché i risultati non sono di gradimento. Se emergerà la necessità di approfondire ulteriori aspetti chiederemo agli esperti già consultati eventuali ulteriori chiarimenti”.

Conte parla anche del codice degli appalti, annunciando che  “in settimana invieremo al Parlamento una legge delega, poi procederemo speditamente con un decreto legislativo che conterrà una riforma organica del codice degli appalti, ma, parallelamente, abbiamo elaborato uno schema di decreto legge per riavviare, già dalle prossime settimane, vari cantieri”.