Migranti. 007. In aumento “sbarchi occulti”, fatti con mezzi veloci per evitare controlli

1182

Agenpress – In Tunisia  è operativa “una ramificata rete criminale…con basi e referenti in territorio nazionale” mentre per quanto riguarda la Libia le attività d’intelligence hanno permesso di accertare, per aggirare i controlli, le partenze vengono effettuate anche ricorrendo a ‘navi madre’.

Lo dicono gli 007 nella Relazione al Parlamento sottolineando che il fenomeno riguarda in primo luogo la Tunisia ma anche la rotta che dall’Algeria porta alla Sardegna, la stessa Libia e le traversate in Adriatico.

Gli ‘sbarchi occulti’, vale a dire le traversate effettuate con mezzi veloci per evitare di essere intercettati in mare e per evitare i controlli al momento dello sbarco, sono un fenomeno che va tenuto nella massima considerazione in un’ottica di prevenzione, per evitare l’arrivo in Italia di personaggi che potrebbero avere collegamenti con il terrorismo.

Gli sbarchi occulti, spiegano ancora gli 007, si sono registrati anche per quanto riguarda gli “attraversamenti dell’Adriatico e lungo la rotta balcanica terrestre” dove sono presenti “snodi logistici” utilizzati anche dalle reti di supporto ai militanti jihadisti.