Università. Sottosegretario Fioramonti: “Ricercatori fuori se in 5 anni non hanno avuto la cattedra”

705

Agenpress – “I 1.511 ricercatori di tipo B, di cui è stato annunciato l’ingresso, saranno assunti  quando i rettori indiranno i concorsi. Questi posti non rientrano nel blocco della PA”.

Così il sottosegretario all’Istruzione Lorenzo Fioramonti, che in un’intervista al Messaggero anticipa i piani del governo per riformare l’università.

“Dobbiamo eliminare quella di giungla di contrattini, borse post dottorato e speranze di un contratto triennale a tempo determinato di tipo A. In futuro, una volta arrivato al dottorato, il ricercatore avrà 5 o 6 anni massimo di precariato: dopo o vinci un concorso per una cattedra oppure ti trovi un altro lavoro. E’ brutale, ma meglio essere espulsi dall’università tra i 30 e i 35 anni che a 45”.

Quanto ai 40mila precari di tipo A da stabilizzare, “aumenteremo le risorse per facilitare il passaggio al tipo B. E riformeremo il preruolo e il reclutamento: non si può iniziare la carriera a 40 anni. Dobbiamo limitare il preruolo e riformare il sistema dei concorsi. Con commissioni sorteggiate – prosegue – avremo due selezioni: una nazionale per il 50% dei posti e una, per l’altra metà, gestita direttamente dai rettori. Poi ridurremo i posti di ricercatori di tipo A per trasformali progressivamente in contratti di tipo B”.

“Potremmo fondere Anvur con l’Invalsi. La valutazione sarà quasi automatica, basata sugli output di ricerca. Attraverso l’anagrafe dei ricercatori, che stiamo riformando, il docente inserisce tutte le informazioni sulla sua attività e le sue pubblicazioni, quindi riceve via mail un punteggio sul proprio lavoro sia in termini qualitativi sia quantitativi”.
Alla domanda come cambierà anche l’abilitazione scientifica nazionale, “solo in Italia abbiamo l’anomalia del doppio concorso. Sempre attraverso l’anagrafe dei ricercatori, il sistema darà automaticamente l’abilitazione in base al tipo di insegnamento fatto, alle borse di studio ottenute e alle pubblicazioni fatte”.

Le università chiedono un piano “ordinario” di assunzioni per svecchiare le università.
“Ci sarà. Ma l’unica strada per alzare il numero e gli stipendi dei docenti è aumentare il fondo di finanziamento ordinario (FFO) di almeno un miliardo di euro. Ho proposto in passato, e le riproporrò, tasse di scopo su bibite zuccherine, cioè una sugar tax, sigarette e alcolici”.

“L’anagrafe è già pronta, abbiamo avuto anche il bollino del garante della privacy. Tra aprile e luglio presenteremo i disegni di legge sulle nuove abilitazione e valutazione e le modifiche a preruolo e concorsi”.
I medici hanno bocciato il superamento del numero chiuso a medicina proposto dal M5S.
“Stiamo lavorando sull’incremento del 20 per cento dei posti e su un nuovo accesso alle facoltà scientifiche. Il primo anno gli studenti saranno impegnati in materie inerenti alla chimica e alla biologia. Poi soltanto i migliori potranno iscriversi a medicina”.
In manovra sono stati congelati 70 milioni per l’università e 30 per la ricerca.
“Con il ministro Bussetti abbiamo già stabilito che se si faranno dei tagli, sarà ridotta solo la spesa amministrativa”.