Astaldi, ancora un rinvio per progetto Ss 106 Jonica

673

Agenpress. Si parla di cantieri bloccati per la burocrazia, ma spesso sono i costruttori la causa dei ritardi.

Ancora un rinvio nella tormentata storia del megalotto 3 per la superstrada Ss 106 Jonica, in Calabria, lotto da 1.335 milioni di euro (di cui 960 milioni la parte contrattualizzata alle imprese) messo in gara dall’Anas nel lontano 2008 e i cui lavori non sono ancora partiti. Il progetto esecutivo non sarà pronto a fine marzo, come previsto dal contratto con il general contractor e come annunciato a inizio mese dal Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli e dall’Anas.

Il contraente generale Sjrio Scpa (Astaldi 60% e Salini Impregilo 40%) – fa sapere l’Anas – “ha richiesto uno slittamento di tre mesi per la consegna del progetto esecutivo dei lavori di costruzione del terzo Megalotto della SS 106 Jonica, prevista entro marzo, a causa delle difficoltà finanziarie che hanno interessato la società Astaldi, principale affidatario dei lavori”.

“La nostra comunicazione ufficiale all’Anas è di alcuni giorni fa – fanno sapere fonti di Astaldi – ma è chiaro da tempo che non ce l’avremmo fatta, perchè nei mesi scorsi i complessi passaggi amministrativi legati al concordato (il concordato in continuità aziendale chiesto da Astaldi per non dichiarare fallimento, ndr) hanno rallentato l’affidamento esterno dell’incarico di progettazione”.

Il contratto con Sjrio prevede 180 giorni (6 mesi) per l’elaborazione del progetto esecutivo da parte del consorzio, termine che decorreva dalla consegna ufficiale dell’incarico, il 18 settembre scorso.

“Il contraente generale – spiega l’Anas – si è comunque impegnato a recuperare il ritardo della consegna del progetto esecutivo in fase di realizzazione dell’opera, mantenendo così invariato il tempo complessivo previsto contrattualmente”.

In termini di impatto economico il ritardo però resta. Dopo la consegna degli elaborati tecnici l’Anas ha da contratto 240 giorni per l’approvazione del progetto esecutivo, attività non scontata perchè bisogna riscontrare il rispetto delle numerose prescrizioni poste dal Cipe in sede di approvazione del progetto definitivo. Il termine scadrebbe a fine febbraio 2020, ma l’Anas ha intenzione di accelerare. Se l’ok arrivasse in 5/6 mesi anzichè 8, l’avvio dei lavori non avverrebbe comunque prima di inizio 2020. Con la consegna del progetto prevista per marzo, fonti Anas prevedevano l’avvio dei lavori in autunno 2019.

I lavori del Megalotto 3 riguardano la realizzazione della nuova SS 106 “Jonica” per uno sviluppo complessivo di circa 38 km, dall’innesto con la statale 534 “di Cammarata e degli Stombi”, nel comune di Sibari fino a Roseto Capo Spulico.