Giovanni Masotti: “Con Lamiacittànews.it riparto dalle provincie, il vero motore d’Italia”

639

Agenpress. Giovanni Masotti: “Con Lamiacittànews.it riparto dalle provincie, il vero motore d’Italia. L’unica possibilità per il Paese è un centrodestra unito su scala nazionale”

45 anni di giornalismo alle spalle, i primi passi a Momento sera nel 1974 e poi a Radio Montecarlo, alla Nazione di Firenze, per approdare alla Rai nel 1988, azienda dove ha ricoperto tutti i ruoli, conduttore, inviato, vicedirettore, corrispondente da Bruxelles, Londra, Mosca, Masotti, 68 anni, si è buttato da poco in una nuova imprese editoriale, con il suo nuovo quotidiano online “con una vocazione glocal” Lamiacittànews.it.

“In pochissimi giorni il sito si sta facendo conoscere da un pubblico sempre più numeroso – ha dichiarato il neo direttore responsabile al quotidiano online Spraynews.it – basta andare su Google per rendersene conto. E ovviamente come in tutte le storie di successo si è già scatenata la guerra contro di noi. C’è una forte densità di media e sono tutti con il coltello tra i denti contro il nuovo arrivato. Ma noi abbiamo le spalle larghe e ottimi professionisti e siamo intenzionati a vincere la sfida.

La scelta di Viterbo? Me ne sono innamorato grazie a mia figlia che vive qui e appena si sono create le condizioni è nata l’idea di una nuova voce nel panorama editoriale locale. siamo una voce libera e indipendente. Io sono un liberale di destra, non l’ho mai nascosto anzi l’ho sempre rivendicato anche quando in Rai a fare il bello e cattivo tempo, a dispensare incarichi e poltrone, era la sinistra. Stesso atteggiamento avremo oggi: se il sindaco di Viterbo, Giovanni Arena, che pure ho sostenuto nella sua corsa, dovesse fare una cosa che non ci convince, saremmo i primi a farci sotto, a chiedergli ragione della sue decisioni. E allo stesso modo giudicheremo le proposte della sinistra. Ve sono di positive?

Troveranno sul nostro giornale  l’accoglienza e il giusto peso. L’informazione non deve essere neutrale, deve però essere onesta con i suoi lettori, avere la schiena dritta, prendere posizione sui problemi del territorio, dare una scossa positiva, essere di stimolo”. Alla domanda su cosa pensi del centrodestra odierno, Masotti risponde: “La Lega oggi sta conoscendo uno sviluppo impetuoso, ha saputo indubbiamente cogliere alcune esigenze degli italiani, penso alla questione immigrazione, eppure non potranno andare avanti così per molto tempo ancora. Questa alleanza di governo con i Cinque stelle, e il famoso contratto che la tiene in piedi, sono parecchio spuri e infatti i nodi stanno venendo al pettine. Al contrario Forza Italia non ha saputo rispondere al mutamento della società dell’ultimo decennio. Secondo me l’unica soluzione coerente da provare sarebbe un centrodestra a livello nazionale, ma non mi pare ci siano al momento le condizioni.

Salvini  sta aspettando che Berlusconi perda anche l’appuntamento delle europee in modo che i rapporti di forza diventino ancora più schiaccianti,  per fare poi un centrodestra in cui non c’è nemmeno discussione sui chi comanda”. Il suo rapporto coi 5 Stelle? “Il M5S nasce da una esigenza vera della gente, quelli che non si sentivano rappresentati dalla politica politicante – prosegue Masotti – se stanno perdendo terreno e perché alla sfida del governare, e governare bene, si sono dimostrati non all’altezza. Se sono destinati a sparire? Non credo. Secondo me rimarranno un grande partito del sud e del centro sud.