Gregori (PD): tutti i maggiori attori economici e sociali della capitale certificano il fallimento, la Sindaca Raggi si dimetta

654

Agenpress. “A Roma occorre esercitare intelligenza politica e coraggio istituzionale, attraverso un Piano Strategico di Sviluppo Sostenibile della città, avendo come finalità l’ammodernamento e la messa in sicurezza delle infrastrutture e dei servizi del territorio, per mezzo di interventi che permettano l’avvio di alcuni grandi progetti di sviluppo urbano,  che abbiano al centro il principio della qualità della vita”. Quanto afferma Augusto Gregori.

“La nostra città – continua Gregori – oggi è al collasso e, come affermato da Confesercenti in rappresentanza delle 7 associazioni, riunitesi oggi per #RinascimentoRoma, c’è la necessità di una visione chiara, condivisa e che difenda le prerogative della Capitale in termini di  potere decisionale e di risorse, oggi messe in discussione dal Governo nazionale. Roma può  svolgere un ruolo chiave nello sviluppo economico e sociale del Paese sulla scia delle maggiori capitali europee.

La Capitale è un centro di conoscenza e di presenza culturale che, se ottimizzato, può diventare fonte di crescita e innovazione. Per tornare ad essere attrattiva e competitiva, la nostra città dovrà rinnovarsi e riprogettarsi, rafforzando l’identità e la caratterizzazione di Metropoli internazionale. Con una visione chiara, un progetto strutturato, condiviso e realizzabile. Efficiente ed efficace, tale da far confluire a Roma nuovi investimenti seguiti da grandi benefici sociali, ambientali ed economici per tutti i cittadini e per tutti coloro, che da ogni parte del mondo la visitano e la vivono ogni giorno.

La Sindaca Raggi – conclude Gregori – dopo più due anni di nulla assoluto prenda atto del fallimento e si dimetta. Per il bene di Roma”.