Salvini. Liti nel governo? “cassate”. A giugno pistole elettriche per le forze dell’ordine

310

Agenpress – “Dopo nove mesi gli italiani hanno toccato con mano: abbiamo fatto tante cose e tante le stiamo preparando. Al di là delle chiacchiere che posso fare con il presidente Conte davanti a un buon bicchiere di rosso, il Governo va avanti, figurarsi se mollo”.

Lo ha detto il vicepremier Salvini, intervistato dall’emittente fiorentina Lady Radio sui litigi nel Governo, bollando come “cassate, come si dice ad Oxford”,  quello che si legge sui sui giornali dal primo giorno che abbiamo giurato. Dicono che siamo litigiosi, fascisti, razzisti”.

Salvini annuncia che a giugno arriverà la dotazione delle pistole elettriche per le forze dell’ordine “così come è negli altri Paesi del mondo”.

“Sono già arrivati 46 poliziotti e altri sono in arrivo come avevo promesso”, ha aggiunto ricordando che poi arriveranno anche carabinieri e finanzieri, “oltre ai vigili del fuoco. In tutta Italia quest’anno assumiamo 8 mila forze dell’ordine grazie ai soldi risparmiati sull’immigrazione, con i porti chiusi e le espulsioni. Chiaramente non facciamo miracoli o tutto in nove mesi”.

“Ricordo al signor Nardella – ha proseguito Salvini rispondendo al sindaco di Firenze che lo aveva criticato proprio per il mancato arrivo di poliziotti e carabinieri – che abbiamo sbloccato noi le assunzioni delle forze dell’ordine che erano bloccate da anni dai governi di sinistra”.