Pedofilia e pedopornografia. “Rafforzare le misure contro i sempre più diffusi abusi sui minori”

1431
Don Fortunato Di Noto, fondatore proprio dell'Associazione Meter che si batte contro la pedofilia e la pedopornografia

Agenpress -“Solo nel dicembre del 2018, Meter onlus ha riscontrato 3.053.317 foto e 1.123.793 video di piccoli schiavi del desiderio di uomini e donne senza scrupoli” è la denuncia di Don Fortunato Di Noto, fondatore proprio dell’Associazione Meter che si batte contro la pedofilia e la pedopornografia e che al Congresso delle Famiglie a Verona ha denunciato la sempre crescente rete pedofila internazionale.

(https://www.facebook.com/100005004123962/posts/1236150603228399?sfns=mo).

E dopo l’allarme, “questi orrori vanno bloccati con misure esemplari – chiede a gran voce il presidente di Pro Vita e Famiglia Toni Brandi – che ispirino anche altri Paesi a contrastare nel modo migliore gli atroci reati di pedofilia, pedopornografia, prostituzione minorile e relative istigazioni, propaganda e favoreggiamenti”:

Le Associazioni Pro Vita e Famiglia Meter onlus invitano tutti i candidati alle prossime Elezioni Europee a prendere posizione e impegnarsi pubblicamente rispetto alle seguenti proposte:

  1. Istituire normativamente l’obbligo, penalmente sanzionato, per i provider, non solo di essere vigili e di rimuovere contenuti criminali ma di fornire alle forze di poliziatutti gli elementi utilialla individuazione dei soggetti dietro ai siti pedopornografici;
  2. Siano aggravate le pene previste nel codice penaleper i reati di atti sessuali con minorenne, corruzione di minorenne, pedopornografia, prostituzione minorile, iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione minorile, e istigazione a pratiche di pedofilia e di pedopornografia, in particolare, se il fatto è commesso con le modalità di cui all’art. 61 n. 9 c.p.
  3. Attuare un concreto potenziamento delle risorse e una progettazione continuativa– non sull’onda della emergenza – contro la pedofilia, la pedopornografia, la prostituzione minorile e il turismo sessuale volto a sfruttare la prostituzione minorile, includendo progetti di tutela dei bambini a partire dalle scuole e un serio monitoraggio della pedofilia online da parte delle Istituzioni;
  4. L’Italia prenda l’iniziativa a livello europeo primae a livello mondiale presso l’ONU, affinchè tutti gli Stati si dotino di una comune legislazione in tema di repressione dei crimini di pedofilia, di pedopornografia, e della istigazione a questi reati sulla falsariga dell’art. 414 bis del c.p., e venga potenziato il coordinamento delle forze di polizia per estirpare questo terribile male.

Per il presidente di Pro Vita e Famiglia Toni Brandi che si pone al fianco della lotta di Don Fortunato Di Noto: “L’Italia con queste misure potrà diventare leader mondiale nella lotta contro l’abuso sui minori, ma serve subito un rinnovato sforzo politico”.