San Luca, Klaus Davi: se sarò sindaco dormirò in camper

308

Agenpress. «Se sarò sindaco, almeno inizialmente, dormirò in camper. Dovrò riorganizzare la mia vita per prevedere la mia presenza nei momenti necessari. Le mie basi continueranno a essere Milano e Roma, ma San Luca diventerà la mia ‘residenza’ in Calabria.

Siccome la politica calabrese non è stata in grado di creare i presupposti per un B&B a San Luca, i primi giorni alloggerò in un camper, magari brandizzato San Luca.

Qualcuno mi suggerisce di dormire a Bovalino: non esiste proprio… Vorrò stare con i miei concittadini». Lo ha dichiarato il giornalista e massmediologo Klaus Davi, candidato sindaco a San Luca (RC), che torna a rivolgersi al Presidente della Regione, Mario Oliverio: «Fossi stato in lui, a San Luca avrei riservato un posto particolare. Qui c’è il Santuario della Madonna di Polsi, a breve potrebbero fare beata – speriamo – Natuzza Evolo.

 

La Calabria ha una cultura religiosa cristiana, ma anche ebraica, diffusissima e sarebbe giusto permettere a tutti i fedeli e agli studiosi di raggiungere agevolmente questi luoghi. Comunque, se sarò eletto sindaco il 26 maggio, già a giugno andrò dal governatore a chiedere di aiutarci per lo stanziamento previsto per il rifacimento della strada che collega San Luca a Polsi e, contestualmente, per creare una struttura di micro ricezione turistica a San Luca – coerente con l’ambiente e la cultura locale – che pubblicizzerò io gratuitamente e ovunque. Non a caso, tra coloro che mi affiancano in questa avventura c’è anche una candidata che da oltre dieci anni si occupa di queste attività e metterà a disposizione le sue competenze magari per la creazione di un albergo diffuso, recuperando parte del borgo antico».

 

Quanto alla scorta, il massmediologo chiarisce: «Non mi serve. Qui mi vogliono bene, sarebbe un’offesa per i cittadini. I calabresi sono come gli ebrei: intelligenti, istintivi e intuitivi. Sanno che lavoro al loro fianco».