Banche, Codacons a Governo: alle bugie non c’è mai fine, vergogna!

942

Agenpress. Alle bugie non c’è mai fine: il Decreto Crescita annunciato dal Governo è slittato a maggio e con lui le norme che dovevano rendere operativi gli indennizzi ai risparmiatori, con i rimborsi che vengono ancora rinviati alle calende greche. Contemporaneamente il flusso di cassa presentato nel DEF svela che questo Governo intende spendere solo 75 milioni entro il corrente anno… e gli altri 500 dove sono finiti? Lo afferma il Codacons, che spiega:

Le nostre richieste di essere sentiti dal Governo per capire cosa succede sono cadute nel silenzio. Al contrario continuano i contatti dell’esecutivo con quelle associazioni che hanno umiliato il Premier e posto il veto sui rimborsi.

Giovedì 18 sono attese le associazioni dei risparmiatori truffati per protestare dinanzi Palazzo Chigi, e il Consiglio dei ministri viene spostato in Calabria, lontano da Roma, con il Premier Conte che fugge al Sud per paura delle contestazioni.

Il trio Conte-Salvini-Di Maio continua a paralizzare i fondi stanziati nella Legge di Bilancio: un tradimento dei risparmiatori e una clamorosa presa in giro per chi ha creduto alle promesse di questo Governo – attacca ancora il Codacons.

Il Premier dovrà tornare dal Sud e dovrà affrontare prima o poi la rabbia di migliaia di risparmiatori in gravi difficoltà economiche sotto l’incudine delle banche che chiedono rientri dai fidi non più garantiti, privati del giusto ristoro. La vergogna continua!