Premio “Guido Carli” il 10 maggio la cerimonia in Senato

763

Agenpress. Il 10 maggio a Roma si svolgerà la decima edizione del premio Carli, voluto dalla Fondazione Carli che è presieduta da “Romana Liuzzo”, nipote dell’economista scomparso nel 1993.

Gli undici vincitori verranno premiati per la prima volta nell’aula di Palazzo Madama, alla presenza della presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati.

«La giuria, quest’anno più che mai, ha voluto dare un riconoscimento a vere e proprie eccellenze che si sono distinte in tutto il mondo — spiega Romana Liuzzo —. Uomini e donne che hanno mostrato l’Italia migliore. Mi emoziona che i premi saranno consegnati in Senato: su quei banchi Guido Carli, mio nonno, è stato un protagonista». Tra i vincitori spicca Luca Maestri, vicepresidente e direttore finanziario di Apple che arriverà direttamente da Cupertino.

La giuria, presieduta da Gianni Letta, ha motivato la scelta sottolineando come «gli studi perfezionati a Boston lo abbiano portato presto lontano e oggi sia uno dei connazionali di maggior peso e prestigio. Convinto che “essere italiani è un valore aggiunto in termini di creatività e determinazione”».

«La Luiss — dice Maestri — è oggi una realtà accademica d’avanguardia grazie alla visione, la leadership e l’impegno assiduo e generoso di Guido Carli nel corso di molti anni. Sono fiero che il mio percorso professionale ne sia una testimonianza diretta e concreta». Un profilo internazionale che è un tratto comune con un altro dei premiati: Remo Ruffini, presidente e amministratore delegato della multinazionale dell’abbigliamento Moncler. Azienda che ha rilevato nel 2003 e, oggi, è presente in 70 Paesi con un utile netto nel 2018 di 332 milioni (+33%) e con una crescita dei ricavi del 22 per cento.

«In meno di 10 anni Ruffini è riuscito a rilanciare a livello internazionale il vecchio marchio di una sartoria di nicchia francese specializzata in capi invernali — si legge nella motivazione — facendone uno dei più importanti gruppi italiani della moda».

A precedere la cerimonia in Senato, una delegazione della Fondazione Carli sarà ricevuta in Vaticano da Papa Francesco dopo che, lo scorso 28 marzo, un’altra delegazione aveva incontrato al Quirinale il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.