Vicebrigadiere Tedesco stringe la mano a Ilaria Cucchi e le chiede scusa

451

Agenpress. Il vicebrigadiere  Francesco Tedesco al termine del suo esame nel corso del processo sulla morte di Stefano Cucchi si è avvicinato a Ilaria Cucchi e stringendole la mano le ha sussurrato: “Mi dispiace”.

In aula, il vicebrigadiere imputato per omicidio preterintenzionale, ha raccontato che “dopo il primo schiaffo, Stefano Cucchi non ha avuto il tempo di lamentarsi. E’ caduto a terra stordito e non ha urlato neppure dopo il calcio che gli è stato sferrato a terra”. Poi ha aggiunto di essersi preoccupato di allontanare i suoi colleghi, autori del pestaggio, e ad aiutare Stefano ad alzarsi.

“E’ stato un momento forte, quello che posso dire è che sono stata grata almeno per questo gesto”  – ha commentato Ilaria Cucchi – .