Se i conti non tornano, Male-edizioni. Il libro-indagine sulla statistica pubblica che mette a nudo le falle del sistema

1491

Agenpress. Non siamo i “polli” di Trilussa. E se pensate che la statistica non sia fondamentale, riflettete sul fatto che gli Stati governano in base alle statistiche e  che, solo per fare un esempio, i finanziamenti europei vengono determinati in base a dati amministrativi forniti dalle statistiche nazionali. E se è vero che non esiste misura a prova di errore, non per questo è altrettanto vero che non si possano migliorare il sistema statistico in sé e la sua metodologia.

L’importanza della statistica nazionale per i cittadini è stata oggi al centro della presentazione del libro di Francesco Bardaro Grella, Se i conti non tornano. Un’inchiesta sulla statistica pubblica. Numeri e dati in Italia, in un Paese dove mai nulla è certo (Male Edizioni di Monica Macchioni, 2019), svoltasi a Palazzo Sora a Roma, con la partecipazione del Giuseppe Venanzoni, professore ordinario di Statistica economica, di Marco Fratini, giornalista La7 e di Elia Fiorillo, giornalista e vicepresidente sindacato Liberi Scrittori.

Il volume di Bardaro, giornalista economico di La7, è il primo vero libro-inchiesta che mette a nudo il sistema che produce i numeri della statistica pubblica. Dati fondamentali, tanto da condizionare la vita pubblica, certificati però da un sistema che fa acqua da tutte le parti a tal punto da mettere in dubbio l’autorevolezza e l’affidabilità del dato stesso.