Roma: Bergamini (FI), Pericoloso indossare crocifissi e kippah in Italia

504

Agenpress. “Non è tollerabile che in Italia, in Europa o nel Mondo, indossare un crocifisso o una kippah equivalga a mettere a rischio la propria vita. E’ di poco fa la notizia che alla vigila di Pasqua un cittadino georgiano (confuso per italiano) è stato accoltellato al grido di “Italiano cattolico di m…..” da un signore di origini marocchine.

Fa bene il ministro Salvini ad aumentare i controlli di sicurezza, ma non capire che la prima forma di prevenzione è lavorare affinché ci sia la pace ai confini con l’Italia e dentro l’Italia, equivale a commettere una omissione. L’inerzia italiana nella crisi libica rischia di avere un costo troppo alto per il Paese. Fermare gli sbarchi senza lavorare per evitare che si ricreino le condizioni per un esodo di proporzioni epocali, equivale a riparare il rubinetto mentre il tubo sta per esplodere.

Il fatto che il Movimento 5 Stelle rinfacci al partner di governo la lentezza nel procedere con i rimpatri suona di presa in giro. Non è infatti un mistero che Lega e M5S governano insieme”.

Lo scrive in una nota Deborah Bergamini, deputata di Forza Italia