Sri Lanka. Premier. Possibili nuovi attacchi. Tra i kamikaze marito, moglie e due figli

641

Agenpress –  Il premier dello Sri Lanka Ranil Wickremesinghe ha affermato che tutti gli arrestati finora per gli attacchi di Pasqua sono cittadini cingalesi e che alcuni degli attentatori hanno viaggiato all’estero per poi rientrare in patria. Gli investigatori, ha aggiunto, stanno compiendo buoni progressi nell’identificazione dei responsabili.

Ha inoltre avvertito che sono possibili nuovi attacchi nel Paese perché agli inquirenti risulta che ci sia altro esplosivo e altri terroristi ancora in giro. Il premier ha aggiunto poi che ci potrebbero essere “alcuni legami” tra gli attentatori e l’Isis.

E proprio trai kamikaze c’era un’ intera famiglia. E’ stato identificato l’attentatore che si è fatto esplodere nell’hotel Shangri-La. Si chiama Insan Seelawan e quando la polizia, ieri, ha perquisito la sua abitazione nella località di Dematagoda, sua moglie ha fatto esplodere una bomba uccidendo se stessa e i suoi due figli. Ne ha dato notizia la polizia citata dal sito cingalese Newsfirst. Anche il fratello del sospetto kamikaze, che la polizia ha tentato di catturare, ha fatto detonare una bomba: oltre a lui, sono rimasti uccisi tre agenti.