Sri Lanka. Unicef. Morti 45 bambini. Altri hanno perso uno o entrambi i genitori

451

Agenpress –  Sono 45 i bambini che hanno perso la vita negli attentati nello Sri Lanka. Lo ha reso noto il portavoce Unicef Christophe Boulierac.

Per il  portavoce Unicef Italia Andrea Iacomini, 27 bambini sono morti e 10 sono stati feriti per l’esplosione nella chiesa di San Sebastiano a Katuwapitiya, nel Negombo; a Batticaloa, 13 bambini sono morti, il più piccolo aveva 18 mesi, 15 bambini tra i 7 e i 16 anni stanno ricevendo cure in ospedale e 5 bambini di nazionalità straniera sono morti. 20 bambini sono ricoverati in ospedale a Colombo, con quattro in terapia intensiva a causa dell’esplosione a Colombo.

“Molti bambini  hanno perso uno o entrambi i genitori, e innumerevoli bambini hanno assistito a una violenza scioccante e insensata. L’Unicef sta lavorando a stretto contatto con i partner governativi per raccogliere informazioni affidabili sulla situazione dei bambini e degli adolescenti colpiti”.

Secondo Iacomini al momento alcuni ospedali in cui sono ricoverati i bambini “hanno bisogno di forniture mediche essenziali e l’Unicef è in fase di approvvigionamento e distribuzione degli aiuti necessari”. I bambini che sono stati separati dai genitori “hanno bisogno di sostegno per identificare i genitori ed entrare in contatto con le loro famiglie” e quelli che hanno perso i genitori “hanno bisogno di un posto sicuro”.