Governo. Vestager (UE). Ok su rimborso ai truffati delle banche. Dubbi su prestito 900mln Alitalia

402
La commissaria Ue alla Concorrenza, Margrethe Vestager

Agenpress – “Sono a favore di compensare persone vittime di raggiro, anche se sarebbe molto meglio utilizzare il denaro delle banche, non dei contribuenti. Se la banca non ha il denaro o è stata chiusa, è legittimo che intervenga lo Stato”.

Lo dice la  commissaria Ue alla Concorrenza, Margrethe Vestager, dando parere favorevole   al decreto del governo italiano sul rimborso degli investitori indotti con il raggiro da alcune banche ad acquistare prodotti finanziari particolarmente pericolosi.

“Non abbiamo tutti i dettagli del decreto bancario, ma posso dire che abbiamo lavorato bene con il governo sulla scelta di avere un approccio duale. Da un lato, un rimborso per raggiro che sia automatico nel rispetto di condizioni che riguardano il reddito e il patrimonio della persona. Dall’altro, un rimborso caso per caso, con un tetto all’ammontare rimborsabile. Spetta alle autorità italiane verificare che il rimborso vada a persone effettivamente vittime di raggiro”.

Vestager è più prudente sulla scelta del governo italiano di cancellare la data di rimborso (30 giugno) del prestito pubblico da 900 milioni di euro concesso ad Alitalia. “Non abbiamo ancora terminato di analizzare il prestito concesso ad Alitalia. Ho visto la decisione del governo italiano. Questa non influenzerà l’analisi se si tratta di aiuto di Stato o meno. Da questo punto di vista, la decisione ha un effetto neutrale. Se dovesse trattarsi di aiuto di Stato, ebbene questo sarà stato più lungo. Come detto, tuttavia, non abbiamo ancora terminato la nostra analisi”.