Soggetto Giuridico: negli ultimi dieci anni dimezzati i giovani ricercatori

1314

Agenpress. Lo abbiamo sostenuto in più di qualche occasione e continuiamo a sostenerlo ancora oggi: senza l’acquisizione di know how e di conoscenza non si possono creare delle basi solide per il futuro del Bel Paese.

Nonostante questa affermazione, che a noi appare come una ovvietà, la politica nazionale non sembra voler investire in questo percorso. A confermarlo sono i dati dell’Adi (l’Associazione dottorandi e dottori di ricerca), i quali evidenziano come negli ultimi dieci anni i posti per il dottorato siano passati da 15.832 a 8.960 (il 90% di questi ragazzi saranno comunque espulsi dalla carriera accademica per l’impossibilità di far accrescere l’organico a disposizione dell’università). In questo quadro c’è poi un ulteriore dato che preoccupa: questi tagli colpiscono soprattutto il Sud Italia.

Come Soggetto Giuridico siamo estremamente convinti dell’esigenza di seminare per poter raccogliere, anche perché è solo in questo modo che si può effettivamente uscire dalla logica delle misure tampone per creare un piano di sviluppo strategico che vada oltre le bandiere e i colori del momento.

Il Bel Paese è la patria del “saper fare” e dell’ingegno creativo, limitare opportunità di crescita professionali come quelle rappresentate dai dottorati significa, non solo non agire con uno sguardo rivolto al domani, ma anche affogare il presente e infliggere un nuovo e ulteriore colpo al sistema socio-culturale italiano.