Scandalo Umbria. Verini (PD). “Vicenda grave e che pesa, sono successi fatti che ci fanno vergognare”

358

Agenpress – “In questo mese da commissario ho fatto 40 assemblee in Umbria, dove si vota in tanti comuni. C’è una voglia di reagire, si pensa alle elezioni, a riconquistare i comuni, a parlare con i cittadini. La vicenda regionale pesa molto, preoccupa, tanto che diversi sindaci e candidati sindaci hanno invitato il consiglio regionale a staccare la spina. Però vedo al tempo stesso un Pd in piede”.

Lo dice Walter Verini, deputato e Commissario del Pd in Umbria,  intervenuto ai microfoni di  Radio Cusano Campus, sullo scandalo sanità in Umbria e le dimissioni ritirate della governatrice Marini.

“La vicenda della Regione è molto grave e pesante ed è lì, però vedo in giro migliaia di persone che dicono che il Pd è un’altra cosa. In Umbria cerchiamo di recuperare credibilità e riconquistare le città che governiamo con una classe di persone solide e per bene. Al di là delle vicende penali, un avviso di garanzia non può far venire meno la presunzione d’innocenza. Al tempo stesso, sul piano politico, sono successi fatti che ci hanno fatto vergognare. La politica deve arrivare prima della magistratura, ma purtroppo non sempre accade. Zingaretti in quei giorni non ha chiesto le dimissioni di nessuno, nel momento in cui accadono vicende gravi sul piano politico i diretti interessati devono fare valutazioni sul piano politico. Quando la presidente Marini responsabilmente ha deciso di dimettersi, lo fece affermando lei stessa che nessuno gliel’aveva chiesto. Quella sera Zingaretti espresse apprezzamento per quel gesto. Nel momento in cui si è dimessa, il partito ha detto: è un gesto che mette prima le istituzioni e poi la persona. Personalmente la consideravo una vicenda dolorosa, ma pensavo che fosse una partita che in qualche modo ci si lasciava alle spalle. Dopodichè c’è stato un mese di reazioni, i consiglieri non volevano chiudere la legislatura. Nel frattempo c’era una campagna elettorale in corso. Avere tenuto questa cosa sospesa per più di un mese, inevitabilmente ha creato un danno. Non condivido la scelta che ha fatto Marini adesso, è stato un errore politico. Il fatto che non si voglia sciogliere il consiglio per non far vincere la Lega non mi sembra giustificato, anche perché la Lega non vincerà”.