Istituto Superiore di Sanità: inviate a Conte le proposte di nomina

320

Agenpress. Il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha proposto al premier Conte i nuovi vertici dell’Istituto Superiore di Sanità, il principale organismo tecnico scientifico del ministero della Salute.

E’ Silvio Brusaferro, già commissario e ordinario di Igiene a Udine, il nuovo presidente, mentre la direzione andrà ad Andrea Piccioli, a capo degli ispettori ministeriali e proveniente dalla Programmazione Sanitaria. Grillo ad entrambi ha augurato “di inaugurare una nuova stagione di protagonismo dell’Iss”.

Brusaferro ringrazia “per la fiducia” e l’esperienza di questi mesi e “per la grande attenzione mostrata nei confronti dell’Istituto nominando Andrea Piccioli come Direttore Generale, un professionista di elevato profilo e vastissima esperienza che sono certo apporterà un significativo contributo nella gestione e nella valorizzazione delle attività dell’Istituto”. “Sono veramente felice – afferma Grillo – di poter trasmettere al presidente Conte la mia proposta di nomina per la presidenza dell’Iss.

Ho scelto di dare continuità al lavoro avviato a gennaio dal professore Silvio Brusaferro, in qualità di commissario dell’Istituto. La sua lunga esperienza nella sanità pubblica di questo Paese e l’altissimo valore della sua competenza scientifica saranno garanzia di efficacia, efficienza e assoluta indipendenza per il governo del nostro più importante organo scientifico. Il nuovo direttore generale dell’Istituto sara’ Andrea Piccioli, medico specialista in ortopedia e traumatologia, già capo degli ispettori del ministero della Salute”.

Infine sono stati convocati il 22 maggio al Ministero gli undici gruppi di lavoro incaricati di scrivere il Patto della salute 2019/2021: “Tutto ciò in coerenza con la forte volontà del ministro di dare concretezza e rapidità ai lavori per il nuovo testo che definirà le politiche per la salute del prossimo triennio”.

Gli undici gruppi di lavoro concordati sono i seguenti:
1) Lea e Piani Rientro
2) Risorse Umane
3) Mobilità
4) Enti Vigilati
5) Governance farmaceutica e dei dispositivi medici
6) Investimenti
7) Reti strutturali di assistenza territoriale sociosanitaria
8) Fondi Integrativi
9) Modelli Previsionali
10) Ricerca
11) Efficienza e appropriatezza utilizzo fattori produttivi