Guardia costiera libica soccorre 200 migranti. Motovedetta altri 80. Marina militare non interviene

589

Agenpress –  Circa 200 migranti che erano a bordo di due gommoni sono stati recuperati dalla Guardia Costiera libica mentre altri due barconi stanno navigando in direzione nord. Lo rende noto il ministro dell’Interno Matteo Salvini che poi ribadisce: “chi parla di ‘porti aperti’ aiuta gli scafisti e condanna a morte migliaia di persone”.

Intanti la Ong tedesca Sea Watch ha denunciato che “la nave P492 Bettica della Marina militare italiana si trova vicino a un gommone in pericolo con circa 80 persone a bordo ma non interviene”. “Il nostro aereo ha inviato un messaggio di Mayday Relay – si legge in un post su Twitter – e ha confermato l’avvistamento di persone aggrappate a un tubolare sgonfio”.

A soccorrere i migranti  una motovedetta libica. Lo si apprende dalla Marina militare, secondo cui quando è stato raccolto l’sos lanciato dal velivolo della ong Colibrì la nave Bettica si trovava a circa 80 chilometri di distanza. Subito è stato fatto decollare l’elicottero imbarcato, per fornire supporto. Giunto sul posto, però, in zona sar libica, l’elicottero ha constatato che era già intervenuta una motovedetta di Tripoli.