Whirlpool. Riconversione sito Napoli. Investimenti in Italia per 250 mln, triennio 2019-2021

381

Agenpress – Whirlpool Emea  “intende procedere con la riconversione del sito e la cessione del ramo d’azienda a una società terza in grado di garantire la continuità industriale allo stabilimento e massimi livelli occupazionali, al fine di creare le condizioni per un futuro sostenibile del sito napoletano”. Lo rende noto il gruppo in un comunicato diffuso al termine di un incontro fra sindacati e vertici aziendali tenutosi per un aggiornamento sul Piano industriale Italia 2019-2021.

Nei prossimi giorni, Whirlpool “lavorerà con le organizzazioni sindacali, le istituzioni locali e nazionali per definire tutti i dettagli e le tempistiche della riconversione, che saranno resi noti non appena possibile”.

Nonostante l’annuncio sulla decisione di cedere il sito di Napoli, Whirlpool “ha ribadito la strategicità dell’Italia all’interno della regione Emea da un punto di vista industriale e commerciale e ha confermato le direttrici strategiche del Piano Industriale firmato lo scorso 25 ottobre presso il Mise”, continua la nota confermando in particolare “gli investimenti pari a 250 milioni di euro per il triennio 2019-2021 in attività di innovazione, prodotto, processo e ricerca e sviluppo nei suoi siti industriali in Italia. Nei primi mesi del 2019 sono già stati allocati oltre 80 milioni di euro”.
Nell’incontro odierno con i sindacati, i rappresentanti di Whirlpool hanno inoltre riconfermato per i siti di Cassinetta di Biandronno (provincia di Varese), Melano (provincia di Ancona) e Siena “la specializzazione in atto e i volumi produttivi e occupazionali previsti dal piano industriale firmato lo scorso ottobre”, continua la nota dell’azienda. E’ stato poi confermato anche il trasferimento a Comunanza (Ascoli Piceno) della produzione delle lavatrici e lavasciuga da incasso dalla Polonia, il sito “beneficerà quindi di un incremento dei volumi che porterà la produzione totale a oltre 800 mila unità”.