Gli Ingegneri di Roma premiano l’ingegno dei bambini

933

Agenpress. L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma stamane ha premiato gli alunni della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo “Fiume Giallo”, per aver realizzato un progetto di riqualificazione di Piazza Cina in zona Eur Torrino a Roma, oggi adibita a parcheggio.

L’idea progettuale nasce da una specifica esigenza dei bambini: avere uno spazio pubblico in cui giocare, dove sia rispettato il rapporto tra incontri culturali e gioco.

Nonostante la loro giovanissima età, i ragazzi si sono cimentati in un elaborato complesso, presentato anche a un concorso comunale, sviluppando temi importanti, quali: la riqualificazione urbanistica, la creazione di aree giochi e di una pista ciclabile e di una fontana, l’utilizzo di materiali ecologici, la manutenzione degli spazi, i parcheggi, l’attenzione verso le fasce “socialmente deboli”, dai bimbi ai diversamente abili agli anziani.

“Appena abbiamo letto il progetto, abbiamo voluto incontrare, come Ordine, i ragazzi della Scuola Fiume Giallo. Siamo rimasti particolarmente colpiti dall’attenzione che hanno posto di fronte a problemi complessi, affrontandoli come degli adulti, facendoci riflettere su quanto siano sottovalutate le esigenze di spazio e di gioco dei bambini, a cui si dovrebbero dedicare più ascolto e riflessioni a livello istituzionale”- afferma Carla Cappiello, Presidente dell’Ordine romano- “Siamo fortemente convinti, inoltre, che l’approccio all’ingegneria debba avvenire in giovane età. Spiegare l’ingegneria in modo semplice può essere sia un veicolo di prevenzione per grandi temi, come l’abbattimento delle barriere architettoniche e l’inclusione sociale, sia una forma di sviluppo del potenziale intellettivo degli studenti”.

I bambini, che hanno raccontato il loro progetto a una platea di ingegneri, hanno spiegato che per loro l’ingegneria è alla base di tutto ciò che li circonda ed è necessaria per l’evolversi delle città, oltre a essere collaborazione tra persone, condivisione di idee e lavoro di squadra.

A seguito della presentazione hanno visitato l’Ordine e hanno chiesto al Presidente di poter simulare con loro una seduta del Consiglio.