Roma. Piano Sampietrini. Politi (Lega). Ora ci tolgono anche un simbolo della Città Eterna

264

Agenpress – “Oggi è stato presentato alla stampa il nuovo Piano Sampietrini voluto dalla Raggi. C’era proprio bisogno di investire denaro e risorse per deturpare le strade del centro storico togliendo il magnifico e antichissimo porfido rosso, per stendere l’asfalto inquinante e infuocato nelle ore di punta. Molti non sanno infatti che il pavimento in selciato è una scelta ecocompatibile poiché è una pietra naturale con una bassissima manutenzione, non si surriscalda, drena l’acqua più velocemente e trattiene il disperdersi delle polveri sottili. Come se non bastassero tutte queste motivazioni tecniche, si aggiunge all’insensatezza di questo Piano il grande valore storico che rappresentano i Sampietrini romani della Capitale. Simbolo e orgoglio dell’ingegneria dell’antichità sono divenuti un segno distintivo della Città eterna, un luogo dove, a causa di tutte le scelte sbagliate dei suoi Amministratori, si fatica oggi a sentire la magia e l’incanto del passato. Non possiamo permettere che il demolitore Raggi ci asfalti la Storia, pensi piuttosto ad investire le risorse destinate al Piano sampietrini per chiudere le pericolose  voragini che assillano quotidianamente i cittadini romani.”

Così in una nota Maurizio Politi capogruppo della Lega in Assemblea Capitolina.