Ue. Al via la prima seduta. Berlusconi il più anziano. Timmermans rinuncia al seggio

191
"Prima seduta plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo. Sono onorato di rappresentare il mio Paese"

Agenpress –  Al via oggi la nuova legislatura del Parlamento europeo dopo le elezioni europee del 26 maggio scorso. Un parlamento con alcune novità rispetto alla precedente legislatura, con il 39% di ‘vecchi’ eurodeputati ed il 61% di nuovi.

Gli uomini rappresentano il 60% e le donne il 40%, la deputata più giovane ha 21 anni è danese e del gruppo dei Verdi mentre il più anziano è Silvio Berlusconi. Lo ha reso noto il portavoce del parlamento europeo nella conferenza stampa che precede l’inizio della Plenaria.

“Sono stato accolto direi con affetto da parte di tutti i parlamentari del Ppe ma anche l’accoglienza di altri parlamentari è stata molto simpatica”, ha detto Berlusconi.  “Sono felice di avere constatato che qui la mia voce sarà ascoltata con rispetto e ci potrà essere l’occasione di interventi per difendere gli interessi dell’Italia e degli italiani”.

La partita delle nomine Ue è una “partita molto difficile, fino a ieri sera alla 2 sono rimasto al telefono con il nostro presidente Tajani, anche questa mattina ho avuto notizia di una nuova proposta di compromesso che però non piace al partito popolare, quindi siamo ancora in alto mare”.

E a proposito di nomine Frans Timmermans, candidato di punta per i Socialisti e democratici ha rinunciato al suo seggio all’Eurocamera.  Il socialdemocratico olandese ha annunciato la sua decisione oggi in una lettera al presidente uscente del parlamento Ue, Antonio Tajani. La decisione indica che Timmermans intende così non rinunciare alla sua corsa per una poltrona a palazzo Berlaymont.