Ue. Davide Sassoli (PD) eletto Presidente Commissione Europea

190

Agenpress –  L’eurodeputato Pd David Sassoli è stato eletto presidente del Parlamento Ue alla seconda votazione con 345 voti, a fronte della maggioranza necessaria prevista di 334 voti. L’annuncio è del presidente uscente dell’Eurocamera a Strasburgo Antonio Tajani.

Solo il Pd, tra i partiti italiani, ha votato Sassoli. Forza Italia, a quanto si apprende, si è astenuta. La Lega e Fdi hanno votato per Jan Zahradil (Conservatori Ecr). Il Movimento 5 Stelle ha invece lasciato libertà di coscienza.

“Tutti voi capirete la mia emozione in questo momento nell’assumere la presidenza del Parlamento Ue. Ringrazio il presidente Tajani per il lavoro che ha svolto, per il suo grande impegno e la sua dedizione a questa istituzione”,  ha detto  prendendo la parola subito dopo l’annuncio della sua elezione. Un lungo applauso dell’aula ha salutato il ringraziamento rivolto da Sassoli a Tajani.

All’Europa serve “recuperare lo spirito dei padri fondatori”, “coniugare crescita, protezione sociale e rispetto dell’ambiente” e “rilanciare gli investimenti sostenibili”, ha aggiunto sottolineando la volontà e l’impegno per incrementare “la parità di genere” e favorire “un maggior ruolo delle donne ai vertici dell’economia, della politica e del sociale”.

“Il Consiglio europeo ha il dovere morale di discutere la proposta del Parlamento di riforma del regolamento di Dublino perché sapete quanta tensione si crei attorno alla non gestione della questione migratoria: i cittadini si chiedono l’Ue dov’è. L’Europa si deve attrezzare e i governi devono trasferire un po’ di potere all’Europa, devono collaborare di più”.

“Come sapete la decisione ieri” del Consiglio europeo sulla nomine ” a suscitato una discussione in tutti i gruppi politici e le famiglie politiche. Ci sono valutazioni diverse, io posso consentire che le discussioni sulla proposta avvengano secondo le regole, garantendo tutte le opinioni e mettendo tutti i gruppi politici di esprimere le loro valutazioni, questo deve fare il presidente del parlamento”.

“La discussione avverrà in modo ordinato dando a tutti il diritto di esprimersi – ha aggiunto Sassoli -. noi abbiamo bisogno di dibattito, le soluzioni si trovano discutendo e confrontandoci”.