Ue. Il governo ha corretto i conti 2019 con 8,2mld di euro

150

Agenpress  –  “Il pacchetto approvato dal Governo il 1 luglio contiene una correzione di bilancio di 7,6 miliardi di euro o lo 0,42% del Pil in termini nominali, e di 8,2 miliardi di euro, o lo 0,45% del Pil in termini strutturali per il 2019”, e con queste misure “il deficit raggiungerà il 2,04% (invece del 2,5% delle ultime previsioni della Commissione Ue), raggiungendo il target approvato dal Parlamento a dicembre 2018 nonostante il peggioramento significativo dello scenario macroeconomico registrato da allora (con il Pil che secondo la Commissione sarà allo 0,1% nel 2019, rispetto all’1% previsto in autunno)”. Lo scrive la Commissione Ue nell’analisi delle misure italiane. Bruxelles spiega che per il 2019 c’è quindi un miglioramento del saldo strutturale di 0,2% del Pil, invece del deterioramento di 0,2% che la Commissione prevedeva nelle ultime stime.

“L’aggiustamento e la nuova clausola di congelamento della spesa assicurano che le entrate maggiori e i risparmi vengano usati per la riduzione del deficit e del debito e non vengano invece spesi per altre misure nel 2019”.

“La revisione della norma attuativa del reddito e di quota 100 che abroga la possibilità di trasferire risorse accantonate e inutilizzate tra i due schemi e su diversi anni, fornisce ulteriori rassicurazioni”.