Fisco. Mef. Nei primi 5 mesi 2019 entrate per 165 mld, +1,3%

209

Agenpress – Nel periodo gennaio-maggio 2019, le entrate tributarie erariali accertate in base al criterio della competenza ammontano a 165,031 miliardi, con un incremento di 2,089 miliardi rispetto allo stesso periodo del 2018 (+1,3%). Lo comunica il Mef. Sul dato pesa il -2,3% di febbraio, determinato dall’andamento dei versamenti dell’imposta sostitutiva sui risultati delle gestioni individuali di portafoglio (-665 mln) e dell’imposta sostitutiva sulle forme pensionistiche complementari ed individuali (-712 mln). Maggio registra 870 mln di maggiori entrate (+2,5% su maggio 2018).
Le imposte dirette risultano pari a 83,633 miliardi, con un incremento di 308 milioni (+0,4%) rispetto al medesimo periodo del 2018. Il gettito Irpef mostra una crescita del 2,8% (+2,118 miliardi) che riflette l’andamento delle ritenute Irpef sui lavoratori del settore privato (+1,384 miliardi, +4,0%) e sui dipendenti del settore pubblico (+1,182 miliardi, +3,6%).

Le imposte indirette, che ammontano a 81,398 miliardi, registrano una variazione positiva di 1,781 miliardi (+2,2%). Il risultato è legato all’andamento del gettito dell’Iva (+1,916 miliardi, +4,0%) e, in particolare, alla componente di prelievo sugli scambi interni che registra un incremento di 1,924 miliardi, mentre diminuisce il gettito sulle importazioni (-8 milioni, -0,1%). L’imposta sulle assicurazioni segna un incremento di 20 milioni, mostrano invece andamenti negativi sia l’imposta di bollo (-429 milioni) sia l’imposta di registro (-95 milioni).