Casa. Nomisma. Prezzi in crescita degli immobili usati. La prima volta dal 2007

147

Agenpress – I prezzi delle abitazioni ‘usate’ sono aumentati nel primo semestre del 2019 per la prima volta dal 2007, con una crescita dello 0,2%.

È quanto emerge dal secondo Osservatorio Immobiliare 2019 di Nomisma, presentato in collaborazione con Bnl Gruppo Bnp Paribas, che vede una “timida risalita dei valori” e una contrazione dei tempi di vendita. La variazione tendenziale delle quantità scambiate per il mercato residenziale è nel secondo trimestre del +8,8%.

“La fragilità del quadro economico  non sembra compromettere la ripresa del settore”.

A trainare la crescita sono principalmente i comuni capoluogo del Nord-Est e le soluzioni di piccole dimensioni, inferiori a 85 metri quadri, con un’accentuazione Maggiore al di sotto dei 50 metri quadri.

In media, nei primi sei mesi del 2019 per vendere e affittare un immobile residenziale sono necessari rispettivamente 6,2 e 2,9 mesi. Tempi di assorbimento piuttosto dilatati si registrano a Catania, Roma e Venezia Terraferma, mentre Milano, Napoli e Venezia Laguna hanno mediamente tempi più rapidi. Sul fronte dei prezzi si mantiene invece negativa, anche se di intensità minore rispetto allo scorso semestre, la variazione per negozi (-0,3%) e uffici (-0,5%).

Analoga tendenza sul fronte dei canoni di locazione, con variazioni semestrali positive nel segmento abitativo (+0,3%) ed una accentuazione positiva nel non residenziale con invarianza dei canoni per uffici e negozi (-0,1% sul semestre).